Tavolo allungabile, un mobile che merita attenzioni

Posted on 2 tempo di lettura 322 visualizzazioni

Ok ok, va bene, lo ammetto: ho un debole per i tavoli allungabili. Questo è già il terzo post che gli dedichiamo qui su Chiedi a Federico, la prima volta ti ho parlato delle consolle, la seconda abbiamo esplorato in lungo e in largo le caratteristiche dei tavoli apribili. Ad ogni modo, è indubbio, la loro praticità merita tutte le attenzioni di questo mondo!

Luigi e Bill, due tavoli allungabili a confronto

Il punto forte dei tavoli allungabili è l’essere… allungabili. Questo li rende una soluzione salvaspazio per ambienti di dimensioni contenute e salva-situazioni nel caso di cene improvvise tra amici. I tavoli allungabili sono tutti uguali? Assolutamente no, variano principalmente per dimensioni, materiali, gambe e prezzo. Luigi e Bill sono la testimonianza di come uno stesso prodotto può offrirti modelli diversi, alternative alle tue esigenze, ai tuoi spazi e ai tuoi ambienti.

Oggi ti presento Bill e Luigi, due complementi – che metteremo a confronto – diversi in molti aspetti ma identici per qualità e utilità.

Prendiamo le giuste misure: le dimensioni

Questo è l’aspetto più vincolante, prima di acquistare il tuo tavolo devi prendere le misure della tua cucina e del tuo soggiorno (o di entrambi, nel caso di un bell’ampio open space).

Bill è presente in due versioni: 138-312x90cm la più piccola, 160-334x90cm la più grande (il primo numero indica la lunghezza del tavolo quando è chiuso; il secondo quando è aperto). 
Luigi invece ha ben 6 varianti: quella più piccola misura appena 120x80cm quando è chiusa e può essere allungata fino a 159cm; quella più estesa raggiunge le stesse dimensioni del cugino Bill (160-334x90cm).

Diversi materiali, ma sempre di qualità

Qual è il complemento d’arredo che deve possedere il materiale più resistente? Il tavolo, senza alcun dubbio. Pensa solo alle pentole calde che ci dimentichiamo sopra oppure ai bambini che si divertono a pasticciarli. Oltre a un po’ più di attenzione, è utile scegliere un tavolo il cui piano sia composto da materiali di primissima qualità: belli e resistenti.

Bill è disponibile con piani in HPL e Fenix. Il primo è un laminato robusto e non poroso ma con poca resistenza al calore; il secondo è rivestito da resine che lo rendono esteticamente più piacevole e soprattutto termoriparabile (i piccoli graffi possono essere eliminati grazie a un panno e un ferro da stiro). Il Fenix è più costoso.
Luigi ha sempre una variante in più: il melaminico, un materiale che difficilmente si graffia e ha costi inferiori rispetto all’HPL e al Fenix.

Sotto il piano, le gambe

Dimenticati il cartoncino piegato più volte per evitare che il tavolo balli da una parte all’altra. Sia Bill che Luigi sono tavoli sorretti da gambe che le garantiscono robustezza e stabilità.

Le differenze? Anche in questo caso il materiale gioca un ruolo da protagonista: Bill ha gambe in legno di faggio verniciate in tre possibili varianti; quelle di Luigi sono in metallo con finitura bianche o di color alluminio.

Fantastico, ma il prezzo?

Il prezzo è il risultato della combinazione tra le precedenti caratteristiche.

confronto tavoli allungabili Bill
Tavolo allungabile BILL

BILL col prezzo più basso:

  • Dimensioni 138-312x90cm
  • Materiale piano: HPL
  • Materiale gambe: legno
  • Prezzo: 1570€

BILL col prezzo più alto:

  • Dimensioni 160-334x90cm
  • Materiale piano: Fenix
  • Materiale gambe: legno
  • Prezzo: 1760€
confronto tavoli allungabili Luigi
Tavolo allungabile LUIGI

LUIGI col prezzo più basso:

  • Dimensioni 120-159x90cm
  • Materiale piano: melaminico
  • Materiale gambe: metallo
  • Prezzo: 500€

LUIGI col prezzo più alto:

  • Dimensioni 160-334x90cm
  • Materiale piano: Fenix
  • Materiale gambe: metallo
  • Prezzo: 1230€

In mezzo tanti altri modelli tutti da conoscere, un po’ come abbiamo fatto oggi con Bill e Luigi!

Visita la sezione dedicata ai tavoli allungabili e scopri qual è quello che fa al caso tuo. Per domande e curiosità non esitare a contattarmi su WhatsApp!

Federico Perin
signature
Previous
Post COVID-19: una nuova linea di arredo per PMI e aziende
Tavolo allungabile, un mobile che merita attenzioni