Bonus mobili 2021: detrazioni fino al 50%

Posted on 1 tempo di lettura 311 visualizzazioni

È di solo qualche giorno fa la notizia sulla proroga (fino al 31 dicembre 2021) della detrazione Irpef su spese destinate all’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Più nel dettaglio, il bonus mobili 2021 ti permetterà di detrarre il 50% dell’importo speso – per specifici mobili – a seguito di un intervento di ristrutturazione non iniziato prima del 1° gennaio 2019.

Non è chiaro? Continua a leggere per comprendere meglio come usufruire del bonus mobili.

Funzionamento e novità del bonus mobili 2021

Ecco le novità! Prima di tutto l’estensione per altri 12 mesi, ma principalmente l’aumento dell’importo detraibile massimo: dai 10.000€ (Iva inclusa) dell’anno scorso, ai 16.000€ (Iva inclusa) di quest’anno.

Proprio come hai letto poco più sopra, potrai detrarre le spese (sono comprese anche quelle relative a trasporto e montaggio) dei mobili acquistati in seguito a una ristrutturazione avviata non prima del 1° gennaio 2019. Fai attenzione, il bonus è riconosciuto unicamente per l’acquisto di poltrone, divani, armadi, letti, materassi, comodini, sedie, tavoli, mensole, librerie, scrivanie, cassettiere, apparecchi di illuminazione, mobili per il bagno.

Ti stai chiedendo come accedere al bonus mobili? Ti basterà, al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi, allegare:

  • scontrino o fattura di acquisto della spesa che riconosce il bonus, insieme al codice fiscale dell’acquirente e l’indicazione della natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi acquisiti;
  • dichiarazione di ristrutturazione, che consiste nella comunicazione al Comune in cui è situato l’immobile tramite Cila, Scia o Dia;
  • titolo abilitativo comunale, che deve indicare la data di inizio dei lavori o una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà;
  • dichiarazione all’Enea dei dati relativi all’acquisto di grandi elettrodomestici, tale da dimostrare l’effettivo risparmio energetico. La comunicazione deve essere fatta entro 90 giorni dalla data dell’acquisto mediante il sito dell’Enea;
  • ricevuta del bonifico o della carta di credito che certifica l’acquisto, per avere diritto al bonus infatti i pagamenti devono essere tracciabili e dimostrabili, quindi effettuati con bonifico bancario o postale in cui dovrà essere inserita la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita IVA o codice fiscale del destinatario del bonifico. In alternativa si può pagare anche con carta di credito o di debito.
La detrazione 50% Irpef verrà poi impartita al contribuente in 10 quote annuali di uguale importo, sempre tenendo conto del limite massimo di spesa. Il limite, però, si riferisce alla singola unità immobiliare, pertanto in caso di più abitazioni, il bonus mobili 2021 può essere richiesto per ognuna di esse.
(fonte: quifinanza.it)
Se desideri avere maggiori informazioni sul bonus o, più semplicemente, un consiglio sugli acquisti di mobili e complementi d’arredo Made in Italy, contattami via chat. Sarò felicissimo di aiutarti! 😉

Federico Perin
signature
Previous
Regalo di Natale per la casa? Ecco 5 idee!
Bonus mobili 2021: detrazioni fino al 50%