Alla scoperta del Salone del Mobile 2022

Posted on 2 tempo di lettura 196 visualizzazioni

Il Salone del Mobile è un appuntamento fisso per tutti gli addetti ai lavori e non. Anche nel calendario di MIT Design Store sono sempre ben cerchiati i giorni in cui si svolge questo straordinario evento.

A settembre siamo stati al supersalone raccontandoti quello che ci aveva colpito di più e il Salone del Mobile 2022 – conclusosi il 12 giugno – non ha deluso assolutamente le aspettative: 262.608 visitatori, 3.500 giornalisti accreditati, 2.175 brand espositori.

Ma i numeri in questo caso non sono la cosa più interessante. Continua a leggere e scopri trend e curiosità dal mondo del design e dell’arredamento!

Novità e curiosità dal Salone del Mobile 2022

Tra i temi più rilevanti della 60esima edizione c’è sicuramente stato quello legato alla sostenibilità. Kartell si è sicuramente distinta con ReChair: la sedia nata dalla partnership con Illycaffè e realizzata con le capsule riciclate di caffè Iperespress.

Dalla plastica al legno. L’azienda trentina Plank ha presentato Bench Table, un piano tavolo (con fianchi in legno massiccio) minimale ma soprattutto semplice da montare grazie a un sistema di assemblaggio che non prevede nemmeno l’utilizzo di un cacciavite.

Salone del Mobile 2022 - Plank

Etica sostenibile ma non solo. Molti espositori hanno ricercato la modernità attraverso la rievocazione di complementi d’arredo iconici. Un ossimoro stilistico che è stato in grado di dar vita a pezzi unici, come Arco K 2022 di Flos, la lampada da terra disegnata da Achille e Pier Giacomo Castiglioni.

Salone del Mobile 2022 - Arco K Flos

Multifunzionalità è un’altra parola chiave della Milano Design Week 2022. Qui rientrano tutti quei complementi d’arredo che non amano essere etichettati e imprigionati in un’unica categoria. Sono ibridi e dinamici. Proprio come System, la libreria-no-libreria; la parete multifunzionale e modulare disegnata per Porro da Piero Lissoni.

Anche in cucina molti designer hanno posto al centro dei propri progetti praticità, contaminandola col bello dell’arte. È il design che mi piace.

“Ho pensato fosse interessante disegnare qualcosa di funzionale ed estetico ma che fosse una protesi di quello che può accadere e che sarebbe bello non perdere.

La cucina serve per cucinare, c’è poco da dire. Ed è anche un rituale, da lì poi mi è venuta l’idea di creare una cucina che avesse degli spunti dal mondo dell’arte.”


(fonte: salonemilano.it)

È così che Luca Nichetto presenta la sua Jeometrica (Scavolini).

 

Salone del Mobile 2022 - Scavolini

Alla prossima edizione del Salone del Mobile

Non mi resta che salutarti! Io personalmente conto già i giorni che ci separano dal prossimo Salone del Mobile. Per me e per tutto il team MIT Design Store è una fonte d’ispirazione dal valore inestimabile, ma soprattutto la conferma che il nostro paese gioca sempre un ruolo da protagonista nella storia dell’arredamento e del design.

E tu? Ti senti ispirato? Seguici sui social e facci sapere la tua 😊

Federico Perin
signature
Previous
Specchi di design per il tuo bagno: non sottovalutarli
Alla scoperta del Salone del Mobile 2022